Roberta Sanzò

di Sherif Awad

Roberta Sanzò


Roberta Sanzò,  attrice di Roma, è attiva professionalmente da circa 30 anni. Ha vinto inizialmente una borsa di studio per l'Accademia di prosa Mario Riva, approfondendo gli studi di recitazione, danza e canto con seminari e corsi vari. Si è laureata anche in lettere spettacolo con 110 e lode.
Ha in curriculum lavori teatrali con ruoli principali (tra cui dei musical), con Alida Valli, Giovanna Ralli, Lando Buzzanca, La Premiata Ditta, Aldo Giuffré, Carlo Croccolo, Maria Carta, Daniele Pecci, Massimiliano Bruno, Giuseppe Patroni Griffi, Luciano Damiani, Geppi Di Stasio ed altri.
Ha ottenuto ruoli in cinema, fiction e corti con Paolo Poeti, Fabrizio Costa, Rocco Cesareo, Carlo Carlei, Massimo Scaglione, Alessio Inturri, Monica Vullo, tra cui si citano “Il paradiso delle signore” e “Furore”. E' stata testimonial di diversi spot tra cui Sky Extra con Bruno Barbieri, Optima con Red Ronnie, il Canone Rai, Pierre Lang Wien. E' in uscita il corto “La rosa blu”in cui è protagonista accanto a Enzo De Caro.


-Sono nata a Roma da una famiglia di commercianti ma la mia passione, sin da bambina, è sempre stata la recitazione e lo spettacolo. Ho cominciato a far recitare le bambole e poi ad inventarmi piccoli show con gli amici. Amavo esibirmi e l'emozione provocata dalla paura di espormi. Non avevo dubbi su cosa fare da grande! Da piccola e da adolescente mi incantavo a guardare in tv gli sceneggiati italiani ancora in bianco e nero, e andavo tanto al cinema e a teatro, cercando di osservare bene le espressioni e i modi di dire le battute dei nostri grandi attori e attrici, prima ancora di sapere che avrei fatto l'attrice sul serio! Ho sempre avuto anche grande ammirazione per le showgirl della Tv di una volta, capaci di recitare, cantare, ballare e presentare. Dopo il diploma di scuola superiore ho frequentato diversi corsi di dizione e  recitazione, ma è stato determinante per la mia formazione vincere la borsa di studio per una importante accademia dove mi sono diplomata attrice. Non non ho mai smesso di studiare canto, danza, tecniche della voce e  mi sono anche laureata in lettere spettacolo con lode! Ritengo che il solo talento naturale non sia sufficente per essere attore. E' fondamentale studiare e  leggere libri osservare bravi attori all'opera oltre a “rubare” il mestiere sul campo. E soprattutto per l'attività teatrale ritengo sia indispensabile imparare bene la tecnica, Lo studio può permettere, a mio avviso, anche a chi è meno talentuoso di intraprendere questo mestiere. E un mestiere serio deve essere disciplinato.



-Credo che per un artista dello spettacolo l'obiettivo sia fare il proprio lavoro con professionalità, dedizione raggiungendo una certa continuità lavorativa e non la notorietà a tutti i costi! Lo studio, la dedizione e la passione porteranno alle occasioni giuste! Il nostro lavoro è molto difficile e impegnativo, a differenza di quello che può sembrare dall'esterno, e la passione è fondamentale per farsi apprezzare dal pubblico. E' questo il primo successo da ottenere.
-I lavoratori dello spettacolo sono sottoposti a sfide continue perchè ci si espone al giudizio di chi deve scritturarci e poi a quello del pubblico a cui dobbiamo imporre il nostro operato. Non è una vita facile ma se si sceglie è perchè veramente si vuole! Per fare questo lavoro a livello professionale bisogna essere in grado di per sopportare tanto stress!
-L'Italia, il paese in cui sono nata e vivo, è sempre stata una meravigliosa culla dell'arte in generale. Forse bisognerebbe dare più importanza al teatro come mezzo di istruzione e civilizzazione della popolazione, come accadeva nell'antica Grecia quando i teatri erano luoghi fondamentali per diffondere la democrazia e l'educazione dei cittadini.

Roberta Sanzò

-Circa vengono offerte, riguardo i ruoli che mi capitano, adoro cambiare spesso e mettermi alla prova sia nel genere drammatico che in quello comico, divertendomi molto a studiare le caratterizzazioni quando è richiesto. E' importante seguire le indicazioni del regista ma essere propositivi non guasta mai.
-La vita privata? Sono fortunata! Ho una bella intesa col mio compagno Geppi Di Stasio che è attore anche lui oltre ad essere un bravissimo regista e autore. Spesso lavoriamo in teatro insieme e abbiamo un'ottima intesa. Avendo lavorato entrambi con registi e d attori bravi e famosi, facciamo tesoro degli insegnamenti ricevuti per essere intellettualmente onesti il più possibile. Abbiamo anche creato una nostra associazione per gestire produzioni e la scuola di recitazione che da alcuni anni sta avendo bei consensi.

-Per un giovane che vuole intraprendere questa carriera attualmente la situazione è molto difficile. Io però consiglio di studiare il più possibile, cercare di frequentare compagnie teatrali e stare sui set. Bisogna prendere iniziative, darsi da fare ed essere pronti a tutte le opportunità. Oggi la situazione è cambiata rispetto agli anni '80 quando ho iniziato il mio percorso da attrice.  La figura dei produttori o manager che scoprono talenti a livello attoriale è sempre più rara. E soprattutto l'abnegazione richiesta per riuscire in questo ambiente non devrebbe mai farci trascurare i veri valori della vita, come l'amore e l'amicizia.

-Riguardo i miei progetti,direi che mi ritengo fortunata avendo molta continuità soprattutto in teatro. Ho avuto anche interessanti esperienze di fiction, cinema e pubblicità sia nazionale che internazionale che mi hanno dato molta visibilità.Ma la mia passione resta sempre il palcoscenico. Quindi mi auguro di continuare così e sempre meglio. Ho in uscita dei bei corti in cui ho lavorato ,che stanno partecipando a diversi festival con successo. E poi gli spettacoli teatrali, per fortuna, sono già programmati. E speriamo arrivino nuove proposte interessanti da valutare. Buona fortuna a tutti noi!